Il progetto fotografico “Guardare fuori per guardarsi dentro”: il Calendario 2021

L’insorgenza della pandemia da COVID-19 ha portato a una drastica ri-organizzazione degli ospedali e, tra le misure necessarie, vi è stata la sospensione degli incontri del mercoledì del Progetto Giovani.

Seguendo però le richieste dei ragazzi, che chiedevano comunque un modo di incontrarsi e confrontarsi, facendo qualcosa di divertente insieme anche senza il contatto fisico, il Progetto Giovani si è riorganizzato dando vita a un progetto su piattaforma digitale. La stanza del settimo piano è stata riaperta, anche se solo in modo virtuale; e anzi, attraverso la videocamera dei loro smartphone o PC, i ragazzi hanno fatto entrare medici ed educatori nelle loro case.

Il nuovo progetto è stato incentrato sulla fotografia. Se è vero che per tutti gli adolescenti la fotografia con gli smartphone è oggi un mezzo quotidiano e la condivisione digitale è il loro linguaggio, è anche vero che la fotografia può essere vista come un mezzo per provare a imparare a ribaltare le prospettive, accettando che esistono tanti e diversi modi di vedere le cose. Una fotografa professionista – Alice Patriccioli – ha gestito gli incontri, della durata di un’ora e mezza: partendo da esempi di fotografi e artisti contemporanei, Alice ha invitato i ragazzi a sviluppare un loro personale percorso, usando linguaggi misti tra fotografia, arte e scrittura.

Il percorso fotografico è partito proprio dal vissuto del lockdown, dall’impossibilità di uscire dalla propria stanza, che è poi quello che accade spesso ai ragazzi in cura, indipendentemente dalla pandemia. Il tema di partenza è stato quindi quello della finestra da cui osservare il mondo; la cornice della finestra è diventata l’inquadratura della macchina fotografica. Ha scritto Camilla: “Durante i ricoveri in ospedale, le migliori compagne per fantasticare, in assenza di poter assaporare il vento e il sole, sono le nuvole nel cielo. Guardo fuori dalla finestra, mentre sono bloccata a letto, e corro con le nuvole”. Mentre molti ragazzi hanno fotografato la vista dalla finestra della loro camera, Matteo Davide ha fotografato la sua finestra chiusa, scrivendo: “Le finestre possono essere aperte o chiuse; pensiamo ad un ragazzo che si ritrova suo malgrado chiuso in una stanza (fisica e mentale) ad affrontare una malattia che stravolge la vita, sua e di chi gli sta accanto. Questo ragazzo ha passato parecchi momenti chiuso in quella stanza, ha avuto tempo per guardarsi dentro e tentare di capire il senso delle cose. Molte cose non le ha ancora capite, ma una sì: l’unica persona che può decidere se e quando aprire o chiudere la mia finestra sono io”.

Dal tema della finestra, il viaggio fotografico dei ragazzi del Progetto Giovani è proseguito con il vedere le finestre come limiti, e quindi pensare ai limiti imposti dalla malattia; alle finestre come aperture verso l’esterno (verso luoghi, verso persone, verso le proprie radici: questi alcuni dei temi degli incontri); alla finestre come aperture che, come l’obiettivo della macchina fotografica, fanno entrare la luce, luce che illumina il dentro, il dentro di se stessi (ed ecco quindi il tema dell’autoritratto). Guardare fuori per guardarsi dentro.

Il progetto fotografico è stato realizzato tra maggio e settembre 2020 e ha visto in totale la partecipazione di 25 ragazzi di età compresa tra 14 e 29 anni (14 in cura e 11 che avevano già terminato i trattamenti).

Con le fotografie dei ragazzi, è stato realizzato un Calendario 2021, i cui proventi saranno destinati a supportare le attività del Progetto Giovani, attraverso l’Associazione Bianca Garavaglia onlus.

Il calendario si può ordinare sul sito dell’Associazione Bianca Garavaglia

Ordina qui
Anno

2020 

Progetto

Calendario fotografico